#vendemmia 2014: un raccolto di incognite!

Lunedì 11 agosto, con 10 giorni di anticipo rispetto al 2013 è iniziata la vendemmia in Italia! Una produzione che “per effetto del clima del tutto anomalo di inizio estate molto probabilmente sarà più contenuta dello scorso anno, che con oltre 49 milioni di ettolitri è stato particolarmente ricco” ci dice Coldiretti, la vendemmia 2014 si presenta ricca di interrogativi ed incognite. Nella maggior parte delle regioni italiane infatti la vendemmia si presenta in ritardo rispetto alle aspettative iniziali ma nei canoni storici considerando le ultime vendemmie anticipate. Vediamo una breve panoramica:

Lombardia: per la base spumante di Pinot nero, la qualità c’è. Per le uve rosse che si raccoglieranno nelle prossime settimane, basterebbe solo qualche giorno di sole e caldo. Ma non è comunque un’annata negativa, nonostante il clima». Emanuele Bottiroli, alla sua prima vendemmia da direttore del Consorzio tutela vini Oltrepò pavese, non nasconde che le premesse di questa “non-estate” erano decisamente preoccupanti. «Nessuno, a memoria d’uomo, si ricorda un’estate così, quasi senza sole e con tanta pioggia. Nei vigneti di collina però — spiega Bottiroli — non ci sono quei problemi per l’eccessiva umidità che si riscontrano in altre zone più basse. Qui tra i filari oltrepadani gli agricoltori sono stati solo impegnati a sostenere più spese per i trattamenti, che se piove vanno ripetuti, con un aumento dei costi di produzione. I risultati però ora ci sono».

Veneto: nel Trevigiano, con i fratelli Alessio e Fabio: “Per i rossi merlot/cabernet sauvignon e franc la vendemmia inizierà tra 10/15 giorni con il merlot – aggiunge Cecchetto – e poi andremmo a ruota con franc e sauvignon, anche qui abbiamo bisogno di sole per ottenere buone gradazioni zuccherine ma soprattutto per avere antociani nei rossi(gli antociani sono le sostanze coloranti) e avere un tannino piu’ morbido. Per il raboso vale la stessa cosa ma fortunatamente abbiamo ancora circa 40/50 giorni.

Romagna: anche qui la stagione segnata da scarsità di sole e abbondanza di piogge ha ritardato la maturazione delle uve e aumentato il rischio di malattie e marciumi. Non sarà comunque compromessa la qualità e si prevede l’inizio della raccolta del Trebbiano attorno alla metà del mese di Settembre.

Toscana: qui si corre ai ripari infatti la Regione autorizza l”’Aumento del titolo alcolometrico naturale” per i prodotti destinati a diventare vini, vini Igp e vini Dop. La delibera prende atto che la stagione 2014 è stata caratterizzata da ”un inverno mite e piovoso” e ”da un fine primavera e inizio estate che ha determinato un anticipo della fase vegetativa della vite” e che ”a seguito delle piogge intense e persistenti di giugno e luglio si sono create condizioni particolarmente favorevoli allo sviluppo di malattie fungine (peronospera e oidio)” e che inoltre ”nei mesi di giugno e luglio si sono verificati grandinate ed eventi temporaleschi che hanno danneggiato l’apparato fogliare”. La conseguenza di tutto ciò è che ”la maturazione degli acini potrebbe completarsi con difficoltà” e ”potrebbe essere necessario anticipare la vendemmia, che avverrebbe a fronte di uve ancora non completamente mature”. In considerazione di questo si è ”ritenuto opportuno autorizzare il ricorso all’arricchimento dei prodotti della vendemmia 2014, destinati a diventare vini, vini a indicazione geografica protetta (Igp) e vini a denominazione di origine protetta (Dop).

Per quanto riguarda invece il capitolo prezzi dopo il forte ribasso delle quotazioni avvertito nel mese di Luglio, dove anche il mercato è apparso piuttosto “stanco”, attualmente si sta concretizzando una buona vivacità nelle richieste ed un conseguente rialzo delle quotazioni, anche di interessante valore.
In attesa quindi delle nuove uve e dei nuovi vini il mercato vive attualmente una prevista buona attività che ben fà sperare per la prossima annata vinicola.

This entry was posted in Pillole, Senza categoria and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published.